10 Errori da evitare nel proprio account su LinkedIn

LinkedInLa reperibilità su LinkedIn non è più optional. Chi sta iniziando un lavoro con te o intende farlo, vuole conoscerti meglio. Una buona percentuale dei clienti, anche se non è ancora la maggioranza nel mercato dei professionisti, si rivolge a LinkedIn per avere notizie sul potenziale consulente. Prima di incontrarlo, si vuole avere una idea dell’eventuale interlocutore consultando il suo profilo su Linkedin.

Anche l’avvocato o l’architetto più bravi, debbono presentarsi al meglio e per farlo debbono evitare errori che possono rivelarsi disastrosi.

Ecco come puoi creare un profilo INUTILE o DELETERIO

  1. Lasciare il proprio profilo senza fotografia oppure mettendone una non “Adatta” al contesto. Per “Adatta” si intende una fotografia compatibile con la professionalità che si vuole evidenziare e in grado di trasmettere un messaggio di vitalità, oltre che positivo. Una foto che metta in risalto un bell’aspetto fisico di un professionista, ad esempio, potrebbe non trasmettere un messaggio adeguato, così come quella che lo riprenda in un bar davanti ad un bicchiere di birra o mentre sta ballando in discoteca. È preferibile, sempre, trasmettere un messaggio positivo al proprio interlocutore, non eccessivamente serio, né troppo allegro.
  2. Lasciare il profilo senza indicazione corretta della professione. Il termine “Impiegata” non significa nulla qualora non accompagnato da descrizione breve ed esauriente della funzione. E’ meglio presentarsi come “Responsabile Customer Care” oppure “Addetta alla Contabilità Fornitori”. Concetto da applicare naturalmente ad ogni altra professione o impiego: non basta scrivere avvocato, titolare, medico, socio oppure fondatore. Chi sfoglia il tuo profilo vuole conoscere i dettagli.
  3. Utilizzare una terminologia incomprensibile al potenziale interlocutore o cliente. Tecnico LAN WAN TCP/IP CISCO e Esperto SSL/TSL potrebbe non significare nulla per un potenziale cliente alla ricerca di un esperto di Rete e Sicurezza.
  4. Indicare la mancanza di impiego, che si cerca qualsiasi impiego oppure usare una formula indefinita. E’ meglio indicare la propria specialità, la cosa che si sa fare meglio di altri rendendola immediatamente chiara al proprio potenziale interlocutore. E’ preferibile specificare di essere un vero intenditore di pomodori piuttosto che senza impiego. Il mondo è pieno di clienti che sono alla ricerca del tuo talento e della tua esperienza, e se sei il primo a sottovalutarla, non puoi pretendere il contrario dagli altri.
  5.  Indicare, per la formazione, il nome abbreviato della scuola o l’università senza precisarne il nome esatto né la specializzazione conseguita.
  6. Non indicare, o sottovalutare, le aree di specializzazione messe a disposizione da LinkedIn. Oppure esagerare e dimostrare che sai tutto di tutto.
  7. Non aggiornare il tuo stato su LinkedIn. Questo potrebbe significare che non hai niente da trasmettere al mondo esterno, oppure di non essere orgoglioso di ciò che può essere trasmesso. Una presenza silenziosa, trasmette un messaggio negativo al tuo potenziale mercato, oppure indica che quell’account è stato fatto in un momento di disperazione o senza motivo specifico.
  8. Utilizzare lo spazio di aggiornamento al fine di fare pubblicità diretta, comportamento non gradito da chi ti segue. Puoi, invece, fare pubblicità a pagamento con LinkedIn. Se vuoi, a patto che non sia troppo aggressiva o banale, puoi evidenziare ogni tanto un tuo punto di forza. Invece: una tua pubblicazione recente, un tuo articolo di blog, un consiglio personale in grado di aiutare tutti, diventeranno il tuo migliore mezzo pubblicitario.
  9.  Pubblicare conversazioni personali o commenti sgradevoli visibili da tutti.
  10. Inviare messaggi diretti di LinkedIn a chi ti segue sollecitando il pagamento di una fattura o esprimendo lamentele o disagi. Per questo tipo di attività, sono a disposizione i normali mezzi di comunicazione: email, fax, posta ordinaria o telefono.

Libri da consultare (da Amazon):

Lavoro e carriera con Linkedin. Il social network per il mondo del business senza più segreti

Linkedln. La Rete per trovare il lavoro dei sogni

How to Write a KILLER LinkedIn Profile… And 18 Mistakes to Avoid

Annunci

AlexPro, il software più richiesto per la gestione dello studio professionale; completo, semplice e a portata di mano.

Tagged with: , ,
Pubblicato su LinkedIn, Social Networks
2 comments on “10 Errori da evitare nel proprio account su LinkedIn
  1. Stefano ha detto:

    Buongiorno, interessante il blog. Non sarei tanto d’accordo sul punto 4). Io mi sono trovato mio malgrado senza lavoro e come professione indico “Credit Manager currently unemployed, looking for new opportunities” ed a volte cerco o mi sponsorizzo tramite LI per cercare nuova occupazione. Cosa ne pensate?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 656 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: